Ippodromo San Siro

Ippodromo San Siro

The first horse races took place in early 19th century, along corso Buenos Aires. The races were so successful that more capacious structures were needed; in 1888 a hippodrome was built in a large green area, San Siro. The hippodrome, designed by architect Paolo Vietti Violi, was inaugurated in 1920 and named Ippodromo del Galoppo di San siro. The large Art-Nouveau building occupies a 1.500.000 m2 area, has over 20.000 seats, four race tracks (straight, oval, hurdles, steeple chases) and two training tracks (di Trenno and della Maura).

The Ippodromo San Siro is one of the most important hippodromes of the world and has been declared national heritage: the track is of the most difficult worldwide and has hosted important international competitions, such as Oaks d’Italia and Grand Prix of Milan; very famous horses, such as Ribot, Sirlad and Falbrav, have competed on these tracks. In 1925 another separate section was added in order to host harness racing. It was designed by architect Paolo Vietti Violi, who conceived a 150.000 m² structure with a race track, a training track, 6000 seats, stables and tack rooms.

The hippodrome became renowned for its fast track and because it has been the seat of important international races (such as the European Grand Prix and Grand Prix delle Nazioni), nocturnal races, and it’s equipped with a panoramic restaurant, perfect for those who wanted to see the races while comfortably sitting at the table. Very important horses, such as Varenne, Kronos and Viking, have competed in this hippodrome.

Importanza
Elevata
Difficoltà
Bassa
Costo
Gratis!
Tempo medio
45 min
Authored by: milanita

Ippodromo San Siro

Ippodromo San Siro

Le prime gare di galoppo furono organizzate già a inizio ‘800 lungo l’attuale Corso Buenos Aires. Lo sport riscosse subito molto successo e fu necessario creare strutture più adatte ad ospitare la gran quantità di gente attirata dalle gare; cosìchè nel 1888 si decise di costruire un ippodromo, in uno dei polmoni verdi più grandi di Milano, San siro. Siamo nel 1920 quando, su progetto dell’architetto Paolo Vietti Violi, viene inaugurato l’Ippodromo del Galoppo di San siro. La struttura in stile liberty si estende per un milione e mezzo di chilometri quadrati e può ospitare più di 20.000 spettatori, ha quattro piste da gara (dritta, ovale, ostacoli, siepi) e due piste di allenamento (di Trenno e della Maura).

L’Ippodromo San Siro è fra i più importanti al mondo ed è stato dichiarato patrimonio nazionale: la pista è considerata una tra le più difficili al mondo e qui sono stati organizzati alcuni tratti dei più importanti gran premi internazionali, come l’Oaks d’Italia e Il Gran Premio di Milano; su queste piste hanno corso i cavalli più famosi nella storia delle competizioni equestri come Ribot, Sirlad e Falbrav.

Nel 1925 fu necessario costruire uno spazio separato dall’Ippodromo del Trotto di San Siro per ospitare le gare di trotto. Il progetto fu affidato sempre all’architetto Paolo Vietti Violi che realizzò una struttura di oltre 150.000 m² con la pista da corsa, quella di allenamento, le tribune da 6000 spettatori, box per i cavalli e sellerie. Famoso per la sua pista, in cui si raggiungono altissime velocità, l’Ippodromo del Trotto è stata sede di gare internazionali (come Il Gran Premio d’Europa e quello delle Nazioni), di numerose gare in notturna e, dotata di un ristorante panoramico, si poteva seguire le gare comodamente seduti a tavola. In questo ippodromo hanno gareggiato cavalli dai nomi importanti come Varenne, Kronos e Viking.

Importanza
Elevata
Difficoltà
Bassa
Costo
Gratis!
Tempo medio
45 min
Authored by: milanita